UNA NOTTE DA LEONI ALCOL & HANGOVER – CAUSE E RIMEDI

UNA NOTTE DA LEONI ALCOL & HANGOVER – CAUSE E RIMEDI

 Ti sei mai chiesto perché dopo una notte brava puoi riscontrare sintomi come mal di testa, nausea, bocca secca, stanchezza, affaticamento, debolezza, disturbi dell’umore, diminuzione dell’attenzione, della concentrazione, sensibilità alla luce e al rumore? Scopriamo cause e rimedi

Quando si bevono delle bevande alcoliche, l’alcol entra nel flusso sanguigno e provoca l’inibizione della secrezione di vasopressina (ormone antidiuretico) dalla ghiandola pituitaria situata nel cervello. Senza questo ormone, i reni inviano acqua direttamente alla vescica invece di riassorbirla nel corpo. Questo è il motivo per cui quando si esagera con l’alcol si devono fare viaggi frequenti al bagno .

Secondo gli studi, bere circa 250ml di una bevanda alcolica (es. un cocktail o 2 bicchieri di vino) induce il corpo ad espellere circa 1 Litro di acqua; ovvero una quantità 4 volte maggiore di quella assunta. Questo effetto diuretico diminuisce quando i livelli di alcol nel sangue scendono, ma i postumi contribuiscono a creare una sbornia.
La mattina dopo aver bevuto troppo, il corpo invia un messaggio disperato per ripristinare il bilancio idrico – di solito si manifesta sotto forma di una bocca estremamente secca e mal di testa, che e’ il risultato della disidratazione perché gli organi del corpo cercano di compensare la propria perdita di acqua rubando l’acqua dal cervello, causando al cervello una riduzione (shrinkage) in termini di dimensioni e una pressione sulle membrane che collegano il cervello al cranio, con conseguente dolore.

L’etanolo (alcol) dunque ha un effetto disidratante, provoca un aumento della produzione di urina (effetto diuretico), che provoca mal di testa, secchezza della bocca, e letargia.
Inoltre l’effetto dell’alcol sul rivestimento dello stomaco può portare la nausea. A causa dell’aumento della produzione del NADH durante il metabolismo dell’etanolo dagli enzimi alcol deidrogenasi e aldeide deidrogenasi, l’eccesso di NADH può accumularsi e rallentare la gluconeogenesi nel fegato, causando ipoglicemia.
L’etanolo viene convertito in acetaldeide dall’alcol deidrogenasi, e poi da acetaldeide in acido acetico dall’aldeide deidrogenasi. L’acetaldeide è leggermente tossica, e contribuisce alla sbornia. Queste due reazioni richiedono anche la conversione di NAD + in NADH. Con un eccesso di NADH, la reazione della lattato deidrogenasi è spinta a produrre lattato dal piruvato (il prodotto finale della glicolisi) per rigenerare NAD + e sostenere la vita. Questo devia il piruvato da altre vie quali gluconeogenesi, compromettendo la capacità del fegato di fornire glucosio per i tessuti, specialmente il cervello. Poiché il glucosio è la fonte di energia primaria del cervello, questa mancanza di glucosio contribuisce alla sbornia dando sintomi quali affaticamento, debolezza, disturbi dell’umore, e una diminuzione dell’attenzione e nella concentrazione.

Ci sono vari effetti sul sistema nervoso: l’eliminazione degli effetti depressivi dell’alcol nel cervello probabilmente comporta anche la sensibilità alla luce e rumore nel giorno dopo.

Durante il metabolismo dell’alcol una molecola di etanolo (il componente primario presente nelle bevande alcoliche) produce 2 molecole di NADH, utilizzando Vitamina B12 come coenzima. Quindi,un consumo eccessivo di etanolo può causare anche carenza di vitamina B12.

 

Come rimediare ai postumi della sbornia?

  1. Bere molta acqua , a piccole prese senza fare grandi bevute , altrimenti invece di idratarci averemo un ulteriore ed inutile perdita di urine.
  2. salare un pochino gli alimenti per esalatare l’effetto reidratante
  3. assumere alimenti ricchi in vitamine e sali minerali , molte verdure sia crude sia cotte, uno o due frutti
  4. Carne pesce uova
  5. potrebbe essere utile assumere un integratore di vitamina B12 o complesso multivitaminico B

Questi sono tutti rimedi utili per riprendersi in fretta dopo una notte da leoni

 

Dott.Styven Tamburo
Biologo Nutrizionista
Dottore in Scienze e Tecnologie del Fitness e dei Prodotti della Salute

Logo_styven_small

Leave a Comment

Name*

Email* (never published)

Website